Eminem, Revival: Intervista VULTURE [TRAD. PART I]

Intervista promo Revival - Eminem @ Vulture Magazine [TRADUZIONE ITALIANO PARTE I]

In un giorno di neve a Detroit, Eminem, con la barba e con addosso una maglietta bianca e una felpa grigia, si trova nel suo studio buio, impegnato a giocare a Donkey Kong su una vecchia cabina arcade. “Sono vicino al record mondiale” dice con orgoglio mentre il suo punteggio lampeggia sullo schermo. Noto che un pezzo di plastica copre la parte superiore della console. “Si, dobbiamo ripararlo”, dice. “Ho perso le staffe mentre giocavo, così ho dato un cazzotto alla console e l’ho rotta. Il gioco è truccato, capisci?”

Tralasciando questi scoppi d’ira occasionali dovuti al gioco, Eminem ha dedicato ultimamente maggior parte della sua rabbia nei confronti del Presidente Trump. Lui ed io abbiamo parlato alcuni giorni prima del 15 dicembre, data di rilascio del suo nuovo LP, Revival, un album che, prima della sua uscita, ha suscitato domande riguardo a quanta politica avrebbe contenuto l’album. Mentre per i musicisti è usuale criticare il Presidente, per artisti del calibro di Eminem questo fenomeno è meno comune (poiché esiste il rischio di perdere fan repubblicani). “Non sono preoccupato se alla gente piaccia o no quello che dico della politica” dice “Voglio solo che mi stiano a sentire. Finché avrò l’attenzione della gente, devo dire quello che penso sia giusto.”


Sono solo riuscito a sentire il nuovo album una volta prima di parlare con te, e devo dire che sentendo tracce come “Untouchable” e “Like Home” dove parli di razzismo sistemico e di politica...
So cosa stai per dire

Cosa?
Vuoi sapere come faccio a rappare riguardo quella roba e allo stesso tempo riguardo ridicole stronzate.

Esatto, anche se forse avrei usato una parola diversa rispetto a ridicole. Si percepisce della dissonanza ascoltandoti- sentendo alcune tracce- si passa dal provare a essere dalla parte giusta riguardo il razzismo e la politica, a essere rude nei confronti delle donne. Questi due estremi coesistono più pacificamente per te che per me?
Si, il modo in cui pensi a questa bipolarità dipende da quale tipo di fan sei della mia musica.  Alcune volte cerco di calmare persone che pensano, cavolo, mi manca l’Eminem scurrile di una volta. Non me la prendo più con Kim nelle canzoni- stiamo in buoni rapporti ora, lei è la madre di mia figlia. La verità è che passare da un argomento ad un altro completamente differente è come un esercizio di equilibrismo, sto cercando di accontentare tutti. E per quanto riguarda il mio comportamento in questi argomenti differenti, penso che io li stia affrontando come quando ho cominciato.

Che vuol dire?
Vuol dire che sono la stessa persona. Non è che non sono maturato, sono cresciuto e ogni tanto ci voglio riflettere sopra, ma quando scrivo, una rima fottutamente divertente potrebbe venirmi in mente, e in base alle punch lines di cui ho bisogno e allo schema delle rime presenti in quella canzone decido se usarla. Queste sono le cose a cui penso riguardo alcuni testi, ancor prima di riflettere sul vero significato. C’è una canzone nel nuovo album “ Nowhere Fast”, lì dico “devo averti cacciata/ in una specie di disastro/ perché alcune cose che sono orribili/ in realtà non significano nulla/ però c’è un sacco di merda che ho detto per scherzo /che è difficile da ingoiare” Sai esiste un libro chiamato Truly Tasteless Jokes ; merda, è tutto incasinato; mi fa ridere, il mio cervello pensa a quel tipo di cose. Non sto dicendo che non ho mai esagerato, ma la gente non dovrebbe giudicarmi per la mia correttezza politica.

A eccezione di quando sei tu a volere che ti prendano sul serio giusto? Le persone parlano più di politica che di correttezza politica, ma ci sono tracce in Revival dove sembra che tu stia chiedendo alle persone di prenderti sul serio.
OK, questo dipende dalla canzone. Le persone che conoscono la mia musica possono dirti quando sto scherzando e quando invece sto parlando in maniera onesta di un argomento.

Un argomento tipo Trump?
Lui mi fa ribollire il sangue. Non posso nemmeno più guardare i notiziari perché mi stressa troppo. Scherzi e punch lines a parte, sto cercando di mandare un messaggio lì fuori a proposito di Trump. Voglio che il nostro paese sia grande, il più possibile, ma con lui al comando questo non succederà. Ricordo quando stava muovendo i primi passi nella politica e ho pensato “abbiamo provato di tutto, perché non lui?” Poi lo vidi (in diretta) tenere il suo discorso dove disse che il Messico sta mandando nelle nostre terre stupratori e criminali. Ho pensato “ma che cazzo?” Da quel momento in poi ho capito che me la sarei presa con lui. Quello che sta facendo, ovvero mettere le persone le une contro le altre è una cazzata fottutamente spaventosa. La sua elezione è stata una grande delusione per me riguardo la situazione del paese.

Quando stavi parlando di Trump alla Shade 45, sembravi quasi annoiato dal fatto che Trump non ha risposto al tuo freestyle nei suoi confronti. Cosa vuoi che gli arrivi di quello che dici?
Non si tratta di questo, perché non c’è nulla di quello che dico in Revival che lui non sappia già di sé stesso. Voglio che lui mi risponda perché nel caso, ho già delle idee pronte per rispondere.

Possiedi dei tweets già scritti?
Non ti dirò niente per ora, ma ho dei versi pronti se dovesse parlare di me. Divento agitato quando penso a lui, mi fa veramente arrabbiare. Le persone che lo supportano sono quelle a cui Trump tiene di meno, e quest’ultime neanche se ne accorgono. Fino a che punto pensi (tu,  cittadino della classe operaia che sta cercando di rendere la sua vita migliore per sé stesso e la propria famiglia) che una persona la quale non ha mai sofferto nella sua fottuta intera vita, che ha evitato il servizio militare a causa di problemi alle ossa e che dice di essere miliardario, si preoccupi per te? Ha fatto il lavaggio del cervello alle persone.

Come pensi che andrà a finire la presidenza di Trump nel 2018?
Spero che finisca. Mi impegnerò per questo.

La tua musica è popolare in alcuni stati dove al contempo il supporto per Trump è evidente. Come affronti la probabilità che ci siano molti dei tuoi fans che supportano anche lui?
Come me lo spiego? Lui è molto bravo ad apparire e parlare. Voglio solo far riflettere le persone riguardo alcune cose: cosa ha realmente fatto per te da quando è diventato presidente? L’abbassamento delle tasse non aiuterà il ceto medio, ma Donald Trump stesso. È questa la cosa scoraggiante che le persone non capiscono. Sai c’è stato un periodo in cui ero arrabbiato riguardo quello che stava succedendo.

Eri arrabbiato con le persone che supportavano Trump?
Si, Trump mi ha fatto talmente arrabbiare con tutte le sue stronzate che pensavo “spero che tutti quelli che hanno votato per Trump vengano fottuti in modo che imparino la lezione”. Ma quel pensiero era sbagliato. Non voglio che nessuno venga fottuto; tutti stanno cercando di migliorare la propria vita. Sono solo arrabbiato per il fatto che Trump ha venduto alle persone un sogno che non si avvererà mai. Voglio che questa divisione nel nostro paese cessi di esistere. E come ho detto, principalmente voglio che la gente si fermi un attimo a pensare riguardo cosa sto dicendo.

Diciassette o diciotto anni fa, quando stavi ottenendo grande successo, venivi ritenuto come questa spaventosa reincarnazione dell'alienazione del bianco di classe media. Alcune persone dicono che andavi a toccare i stessi sentimenti che tocca Trump adesso, e parlavi per lo stesso...
Parlavo per tutti: bianchi, neri, qualsiasi nazionalità.

Il tuo aspetto probabilmente ha contato molto su chi si identificasse di più in te.
E' giusto. E' vero.

Quindi, data la tua posizione, pensi di avere qualche pensiero unico sul “Trumpismo”?
All'inizio ho pensato che avrebbe potuto vincere. Più o meno tutte le persone che conosco dicevano “No, è impossibile che venga eletto” e io guardavo quei discorsi e pensavo “Yo, questa merda è vera.” Ma non so se quello avesse a fare con alcuni parallelismi tra me e lui. Ho usato il fatto che fossi spazzatura bianca e l'ho fatto mio. Quindi posso capire perchè le persone che sono cresciute in situazioni simili potrebbero relazionarsi con quello che dicevo. Ma non lo so, le differenze tra me e lui sono più grandi di qualsiasi parallelismo. Ha fatto uscire il razzista che è in lui. Ha reso accettabile per l'uomo bianco sentirsi oppresso. Sono solo cazzate, cazzate: Non so se riesco a capire perchè le persone che si relazionano con me possano sentire un legame con lui. Questo è un tizio che è nato ricco, che dice che ha ricevuto un piccolo prestito di un milione di dollari da suo padre. Da dove vengo, un piccolo prestito sono 5 cazzo di dollari.

Considerando l'apparente sovrapposizione tra i tuoi sostenitori e quelli di Trump, penso che ci sia voluto parecchio coraggio per esprimere i tuoi pareri politici – è abbastanza facile andare online e vedere che hai alienato alcuni fan. Ma cosa ne pensi degli artisti che non sono disposti a prendersi quel rischio? Sto parlando di gente come Taylor Swift, che è così brava a parlare di certi problemi che possono sembrare anti-etici a Trump, ma che non fa il passo successivo e non parla di lui. Secondo te i musicisti con la loro grandissima piattaforma dovrebbero avere una responsabilità morale di impegnarsi politicamente?
Non so niente su Taylor Swift. Posso solo parlare per me, non per lei. Penso che quando hai una piattaforma, è importante usare la tua voce. Puoi esprimere i tuoi sentimenti su quelle che pensi siano stronzate, quando non tutti possono. Non so se debbano sentirsi responsabili. Si tratta di qualcosa di personale, sono loro che devono decidere per sé stessi. Ed è quello che ho fatto io, e ho deciso che avevo bisogno di parlare.

Cosa ne pensi della politica di Kid Rock?
Intendi la sua candidatura per il Senato? Io e Bob siamo amici da tantissimo tempo, ma non ci parliamo da un bel po'. L'ultima volta che l'ho fatto è quando è successa quella cosa al suo assistente. Gli ho detto che ero lì per lui se aveva bisogno. Per quanto riguarda la politica, non sono informato. Non so dire se volesse davvero diventare senatore o se stesse solo scherzando.

Questa intervista sarà rilasciata dopo l'uscita dell'album. Con ogni probabilità, Revival venderà bene e riceverà reazioni miste dalla critica.
E' quello che succede dopo ogni mio album.

Okay, quindi se sappiamo già quello che succederà, cos'altro ti aspetti che ti possa incoraggiare o scoraggiare della ricezione dell'album?
Non lo so, mi sono sempre sentito in contatto con le persone che ascoltano la mia musica. La faccio per loro. Chiunque altro può fottersi. Non è un problema se la critica o chiunque altro, continua a pensare che io non sia bravo come una volta. Quello che sto cercando sono le cose che ho fatto bene o le cose in cui sono migliorato musicalmente. Sono molto critico di me stesso e cerco sempre di trovare un modo per migliorare. Sicuramente non ho avuto una carriera perfetta. Ho rilasciato album pessimi.

Di quali stai parlando?
Encore è mediocre, e Relapse era il meglio che potessi fare in quel periodo. E' un album divertente per me perchè stavo giusto ricominciando a rappare dopo essere uscito dalla dipendenza. Ero così sbadato che le persone intorno a me pensavano che potessi aver subito un danno al cervello. Sono stato annebbiato per mesi. Letteralmente, dicevo cose senza senso; era da così tanto che non registravo parti vocali senza un sacco di Vicodin o Valium. Praticamente ho dovuto re-imparare a rappare.


Qui di seguito la seconda e terza parte dell'intervista:

Eminem, Revival: Intervista VULTURE [TRAD. PART II]

Eminem, Revival: Intervista VULTURE [TRAD. PART III]


Traduzione: Andre, Gabriele Avolio


Potete acquistare direttamente da qui il nono studio album di Eminem, Revival e supportare allo stesso tempo il nostro Website.



Per sapere di più e discutere con gli altri fans al riguardo, potete visitare la nostra pagina Facebook ufficiale, Eminem Italian Site. Vi aspettiamo!

Copyright © MarshallMathers.eu | Riproduzione totale o parziale severamente vietata




Sarahwtp

Ultimi Post dal Blog

23.04.2018 - EMINEM, COACHELLA 22/04/2018 - VIDEO 12.03.2018 - Eminem in concerto a Milano 7 luglio 2018: info su spostamenti, voli e alberghi 30.01.2018 - INFO Concerto di Eminem in Italia a Milano, 7 Luglio 2018 29.01.2018 - Eminem in concerto in Italia, 7 luglio 2018, Milano - UFFICIALE
Eminem Italia

News